Associazione Cavalieri Macomer


Vai ai contenuti

ospiti importanti

tradizioni

IndietroPlayAvanti

Piero D'Inzeo nato a Roma, 4 marzo 1923 è stato un ufficiale dell'arma di cavalleria e cavaliere italiano, è entrato nella storia dell'equitazione internazionale vincendo ben sei medaglie ai Giochi olimpici partecipando vittoriosamente a numerose gare in Italia e all'estero.
Assieme al fratello Raimondo, cavaliere e ufficiale dell'Arma dei Carabinieri, hanno rappresentato il meglio dell'equitazione italiana.
Hanno raggiunto il culmine della loro carriera agonistica nei Giochi Olimpici di Roma del 1960, quando Raimondo conquistò la medaglia d'oro e Piero quella d'argento nel Gran Premio di salto ostacoli. Nel 1950 hanno partecipato al Concorso ippico di Macomer i cui cavalieri già da allora si confrontavano con i binomi di alto livello agonistico. I cavalieri macomeresi del periodo sono la testimonianza vivente e allo stesso tempo la memoria storica, di come il confronto e la competizione sportiva quando avviene con cavalieri dalle indiscutibili qualità sportive è sempre motivo di crescita. Forse è anche per questo motivo che Macomer è stata sempre conosciuta come terra di cavalli e riportando quelle esperienze di decenni addietro all'attualità e facile capire, chiunque l'abbia detto che aveva ragione.

Gabriele D'Annunzio nasce a Pescara il 12 marzo 1863 poeta e scrittore di famiglia agiata, i tre aspetti in cui si distingueva erano la passione per le belle donne, la sua propensione naturale a contrarre debiti e uno in particolare che li conteneva entrambi: gli appuntamenti legati agli sport equestri, principalmente caccia alla volpe. L'agiatezza familiare mutò ben presto in ristrettezze economiche che lo portarono a scrivere nei giornali. Arrivò a Macomer il 29 marzo 1882 assieme ad Edoardo Scarfoglio provenienti da Cagliari come inviati del quotidiano romano "Capitan Fracassa". In particolare dedicano una pagina letteraria e scrivono a quattro mani i particolari del viaggio da Macomer a Nuoro. Il rapporto di D'Annunzio con il cavallo e legato quasi sempre a occasioni di mondanità.

nella foto mentre salta un muretto a secco

IndietroPlayAvanti
IndietroPlayAvanti

Achille Starace nato a Sannicola il 18 agosto del 1889 da famiglia borghese salentina, dopo diversi incarichi all'interno del partito fascista, il 7 dicembre del 1931 viene nominato segretario nazionale. Segue direttamente l'organizzazione di tutte le manifestazioni pubbliche, comprese le sportive ed in particolare quelle equestri. Nel 1935 fu costituita l'A.L.A.S. Anonima Laniera Sarda con sede legale a Roma in via Lisbona 18 con compiti di lavaggio della lana sarda e la tintura dell'orbace. Lo stabilimento di lavorazione con sede a Macomer fu voluto dal gerarca On.le Starace, infatti il robusto tessuto veniva confezionato a Martina Franca città di sarti che realizzavano divise per gerarchi fascisti. Il percorso commerciale dell'orbace di Macomer si concludeva nelle Puglie, Regione di Achille Starace che nello spirito dell'ideologia militare aprezza l'esibizione delle uniformi nel tessuto di robusta fattura.

Macomer ieri e oggi - ricerche di Giovanni Antonio Murgia
Macomer i pionieri dell'industria in Sardegna - Domenico Falchi




Il Generale Ruggero Ubertalli allievo di Caprilli, era Ispettore dei Centri Stalloni diede un notevole impulso alla valorizzazione della razza anglo arabo sarda. Il cuore pulsante di tali centri di riproduzione era proprio nel Marghine, che il Generale conosceva bene per motivi di lavoro. In particolare era legato da fraterna amicizia con un suo collega di arma: il Generale Gutirrrez, e forse è per questo motivo che a Macomer Ubertalli era tutt'altro che un ospite.

testimonianza di Lucio Lami - GIORNALISTA

nelle foto:
Il Generale Ubertalli
in sella a ebano e vissuto

IndietroPlayAvanti

Edoardo Scarfoglio Nato a Paganica (L’Aquila) nel 1860, scrittore e giornalista, visse a Chieti. Si stabilì successivamente a Roma per terminare gli studi e, proprio nella capitale, cominciò a farsi apprezzare come critico letterario. Fondò numerosi giornali, tra i quali: «Il Corriere di Roma», «Il Corriere di Napoli» e «Il Mattino». A Napoli collaborò con Di Giacomo, Russo, D’Annunzio e Matilde Serao (che divenne sua moglie). Fu un acerrimo nemico dei partiti radicali e dei socialisti; un antidemocratico e fervente nazionalista. Scrisse Il Processo di Frine, storia di un processo intentato a una donna bellissima, accusata di omicidio, dal quale Alessandro Blasetti (nel 1952) trasse un episodio del film “Altri tempi”, con Gina Lollobrigida e Vittorio De Sica. Abbandonato dalla moglie, Scarfoglio morì a Napoli nel 1917.


Alcide de Gasperi

Nasce nel Trentino austro ungarico da una famiglia di umili origini, fin da giovanissimo è leader del movimento studentesco degli studenti trentini. Nel 1909 aderisce al Partito Popolare Italiano promosso da don Luigi Sturzo, nel 1921 è eletto deputato. Guida un governo di unità nazionale, che durò fino alle elezioni del 1948, anno in cui nasce lo Statuto Speciale della Sardegna. Padre fondatore dell’Europa unita e uomo di alta coscienza europeista e di lungimirante pensiero internazionale. Conduce i negoziati per l'acettazione del Piano Marshall attraverso l'assegnazione dei fondi E.R.P. European Recovery Program in un sistema di prestiti (loans) e di aiuti gratuiti (grants). Approva con alcuni correttivi la Riforma agraria voluta dall'allora Ministro dell'Agricoltura Antonio Segni, nasce l'ETFAS Ente di Trasformazione Fondiaria e agraria in Sardegna. In questo clima di intensi equilibri internazionali e di ingenti risorse per l'agricoltura, De Gasperi vuole essere testimone diretto di come esse vengono impiegate dalle autonomie regionali e nell'occasione del suo viaggio in Sardegna passa a Macomer.

Antonio Segni Figlio di Donna Annetta Campus nota per l’estrema bontà del suo animo e soprattutto per il generoso prodigarsi a favore dei poveri e dell’Avvocato Celestino Segni, protagonista della vita politica e culturale sassarese, nel 1921sposa Donna Laura Carta Caprino appartenente ad una delle più benestanti famiglie della borghesia sassarese.Nominato Presidente della Repubblica il 6 maggio 1962 passa a Macomer



Torna ai contenuti | Torna al menu