Associazione cavalieri Macomer


Vai ai contenuti

Badde Salighes

iniziative

Il Villaggio di Badde Salighes

partenza ore 9 Sede Associazione
territori 2 Macomer Bortigali
percorso Km.
15
media difficoltà
pausa pranzo ore
13,30
S. Leonardo
punti di sosta Mulargia
durata 3 ore
altimetria minima
altimentria
massima

Visualizza badde salighes in una mappa di dimensioni maggiori
IndietroPlayAvanti
IndietroPlayAvanti

Il villaggio racchiude la storia di un ingegnere Gallese Benjamin Piercy noto per aver realizzato le ferrovie dell'intera isola ma anche per aver realizzato a Padrumannu la più grande tenuta agricola della Sardegna con un consistente allevamento di bovini e un razionale caseificio che grazie alle agevoli vie di comunicazione, riusciva a trasportare i prodotti nei principali mercati. Fù inoltre il primo ad importare in Sardegna le fattrici purosangue inglesi che venivano allevate nell'azienda di Badde Salighes, l'allevamento diede impulso alla nascita del cavallo anglo arabo sardo. Questo raduno equestre è un'occasione unica per visitare la villa della famiglia Piercy e percorrere idealmente le gesta di un capostipite che aveva vinto la scomessa di produrre reddito e garantire manodopera dall'agricoltura attraverso la razionale e lungimirante gestione di un'imponente proprietà terriera nell'altopiano di Campeda.

il capostipite Benjamin Piercy



I discendenti

IndietroPlayAvanti

Benjamin Herbert Piercy (Bertie)

Inizialmente aveva intrapreso la carriera militare fino a conseguire il grado di Maggiore dell'esercito, per poi abbandonarla e venire a vivere in Sardegna (dove tutti lo conoscevano come il Maggiore Piercy). Decise di riscattare dagli esecutori testamentari le proprietà paterne di Padrumannu e Baddesalighes dove ha migliorato il cavallo sardo introducendo stalloni purosangue inglesi (molte delle sue fattrici furono coperte dal famoso stallone Politcullis, portato in sardegna da Lord Thomas Alnutt Brassey, che in Sardegna era proprietario di numerose miniere). Tuttaltro che estranea al mondo dei cavalli era sua moglie (nella foto con il figlio Gerald) Mildrida Soowry Cookson discendente di una famiglia molto nota in Inghilterra per il loro allevamento di importanti cavalli di razza purosangue inglese.
Nella foto la prima residenza dei Piercy, adiecente la stazione ferroviaria di Macomer, che sucessivamente divenne l'albergo stazione.

Nelle tenute di Baddesalighes e Padrumannu si organizzavano gare di caccia alla volpe e di polo per pony.

IndietroPlayAvanti





Donna Vera Piercy

Figlia del Maggiore Piercy aveva sposato un sardo, Giorgio Mameli (suo prozio era Goffredo Mameli) Ambasciatore italiano presso la Santa Sede. Grande appassionata di cavalli e sempre presente a tutte le principali manifestazioni equestri. In una foto del 1914 a cavallo del purosangue inglese Starlight, suo marito il Conte Giorgio Mameli nello studio della villa di Baddesalighes.

Donna Giorgina Mameli Giustiniani

Figlia di Vera Piercy ancora oggi viene spesso in Sardegna, alla ricerca di tutto ciò che può riportarla a conoscere nuovi particolari della sua famiglia e del suo trascorso nell'isola. I ricordi di Baddesalighes, non ultimo quello di amazzone, sono il motivo maggiore della sua costante presenza nell'isola, in particolare alla corsa che si tiene annualmente nell'ippodromo di Chilivani, in ricordo della famiglia Piercy.

Nella foto con i figli







il parco che circonda la villa

IndietroPlayAvanti
IndietroPlayAvanti

L'azienda di Padrumannu

Era la tenuta dove si svolgevano importanti appuntamenti con le corse di cavalli ad ostacoli (che diversamente dalle attuali corse a siepi gli ostacoli erani fissi) e ricchi premi in denaro anche per le migliori esposizioni di costumi sardi. La stampa locale del periodo ne descrive i particolari:

La Nuova Sardegna del 18.03.1892
La Nuova Sardegna del 19.03.1892

La Nuova Sardegna del 21.03.1892
La Nuova Sardegna del 23.03.1892





Fonti:
www.prolocobolotana.it
www.luigiladu.it
Florence's Diary - il diario di Florence Piercy terzogenita di Benjamin
Benjamin Herbert Piercy - La Sardegna dei miei ricordi


Sentiero Macomer Mulargia Badde Salighes

partenza ore 8 sede Associazione
territori 3 Macomer Bortigali
Bolotana
percorso Km.
22
media difficoltà
pausa pranzo ore
13,30
Badde Salighes
punti di sosta ore
11,00
S Maria e Sauccu
durata 4 ore
altimetria minima 600
altimentria
massima
990
IndietroPlayAvanti




La Necropoli di Filigosa

Si parte di primo mattino dalla sede dell’Associazione e dopo circa 1 Km. si attraversa la Necropoli archeologica di filigosa costituita da una collina tufacea in cima alla quale il nuraghe Ruju domina le quattro domus de janas. Gli scavi iniziati nel 1965 hanno riportato alla luce frammenti di vasi in ceramica decorata propri di una cultura preistorica risalente alla seconda metà del III millennio A.C. che richiama i collegamenti commerciali con altre Regioni della penisola, in particolare con quelle dell’Italia Centrale transitando dalla Corsica. Più residuali risultano i collegamenti con il mediterraneo orientale.
I numerosi ritrovamenti di ossa umane attestano la presenza di donne e uomini rispettivamente un’altezza di mt. 1,40 e 1,60 che confermano la pratica di riti funerari all’interno delle tombe.
Nelle foto il vasellame rinvenuto e la pianta di una delle tombe raffigurante sette celle e un corridoio di ingresso che comprende un focolare rituale.

Fonte:La tomba di Filigosa – Alba Foschi Nieddu


IndietroPlayAvanti

Mulargia


Intorno alle 9,00 si arriva a Mulargia l’antica Molaria dell’itinerario di Antonino, centro romano attraversato dalla strada proveniente da Cagliari che all’uscita del paese si biforcava per Turres e Olbia.
Arrivati al pianoro di Aidu entos (passaggio dei venti) si percorre un sentiero che presenta ancora i segni del passaggio dei carri trainati dai buoi
Nella foto la Chiesa di S. Elena,

Fonti: Aspetto fisico e prospettive economiche della Regione del Marghine –Salvatore Vacca

IndietroPlayAvanti
IndietroPlayAvanti

Il villaggio campestre di Santa Maria de Sauccu

Alle ore 10,45 costeggiamo il villaggio ubicato nell’agro di Bolotana e luogo di culto della comunità bortigalese. L’omonima chiesa le cui origini risalgono alla bolla di papa Callisto II datata 1122 richiama il periodo medioevale, in cui la curia romana avvicendava al culto greco bizantino, quello latino. In questo periodo numerose bolle papali fanno menzione della “ecclesia sancte marie de Sabucco”i cui atti pontifici confermano l’appartenenza all’ordine dei Benedettini di Monte Cassino.
Il ritrovamento di un manoscritto del 1600 Libru de sa Eclesia de Santa Maria de Sauccu, conservato nella parrocchia di Santa Maria degli Angeli di Bortigali, contiene l’amministrazione della chiesa inclusa l’organizzazione della festa, interamente scritto in sardo logudorese. Di anno in anno si tramanda l’usanza di nominare s’oberaju (l’obriere che ha l’onore di fare la festa).
Nella foto Il monte di Santu Padre


Fonte: il libro dell’Opera di Santa Maria de Sauccu – Italo Bussa

IndietroPlayAvanti

La tappa conclusiva

Intorno alle 12,30 si arriva a Badde Salighes


Torna ai contenuti | Torna al menu
'